L'UTOPIA TEMPLARE - Gran Priorato d'Italia OSMTH

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'UTOPIA TEMPLARE


L'UTOPIA TEMPLARE


La parola Templare, l'affermazione sono un Templare, non lasciano mai indifferente l'ascoltatore, indipendentemente dal tipo di reazione, positiva o negativa che sia. Lo scopo di questo libro non è quello di fare una storia dell'Ordine monastico, militare e templare ma di dare un'idea moderna dell'Ordine del Tempio, cercando di riscattarlo dalle innumerevoli interpretazioni, spesso del tutto fantasiose, che si affollano nelle librerie di mezzo mondo. Non si rivolge, quindi, a chi desidera conoscere la storia del Tempio, ma piuttosto a chi, conoscendola, si domanda la ragione della sopravvivenza templare.





" Il requisito essenziale è quello dell'umiltà, intesa come semplicità, percezione costante dei propri limiti, modestia e riservatezza nei modi e nel contegno, capacità di essere presenti  senza imporre la propria volontà, rispetto dell'altrui credere e dell'altrui soffrire. Essere umili significa riconoscersi nella comune identità dell'uomo, senza alcuna distinzione, in quanto creati per operare ed accomunati dalle debolezze e dalla certezza della morte."

da: "L'Utopia Templare" di W. Venceslai.

" Tolleranti? E perchè no? Nei periodi di pace i commerci, essenziali per le popolazioni franche o discendenti dai Franchi (i cosiddetti poulains), fiorivano, a partire dai riscatti pagati o richiesti per liberare i prigionieri più importanti. Era in questione la stessa sopravvivenza dei Franchi che dipendevano, in tutto e per tutto, dagli approvvigionamenti dall'Europa e dai trasporti sui quali lucravano, tra l'altro Genova e Venezia.

da: "L'Utopia Templare" di W. Venceslai.

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu